Music together at Home, in a RockDown

Music was the right key to cope with Covid19. Thanks to it, home life was so much less boring and certainly more stimulating. Many international musicians have performed from their homes, through live streaming and broadcast. In addition, artists discussed about the future of music after the health emergency. Here are the news about online events that we will remember for good, and which we will still hear a lot about.

musicDuring quarantine, music was a powerful lifesaver. The quantity (and the quality) of events and enterprises spread online is there for all to see. There are countless hashtags, generated from the main social platforms. But the most important to keep an eye on – besides the well-known #Lockdown – are definitely #ToghetherAtHome and #Rockdown. If the former gathers the performances of artists from different parts of the world, the latter is focused on bringing together all the rock performances, as well as the messages of hope for people who have been forced to stay at home.

Quarantine has also brought new musical releases, now more precious than ever. Among the others, the most prominent one highlights The Rolling Stone‘s great return to the scene. Living in Ghost Town is their new single, written by Mick Jagger at the end of 2019. Without a doubt a prophetic song: as a matter of fact, the singer and composer declares that, even before the pandemic, he felt in the world distance and social invisibility, particularly in cities like London. Twist of fate, now we live in a dispossessed city, because of an invisible enemy.

Another milestone in rock songwriting, Bob Dylan, also repopulates the music scene with brand new songs. False Prophet   keeps the show on the road for the new album Rough and Rowdy Ways. This will be the 39th of his artistic career and will be release in June.

There have been several news from the metal front too: the lockdown hasn’t stopped Metallica’s desire to make music. A new version of Blackened, strictly played at home, was  released earlier this month by James Hetfield, Lars Ulrich, Kirk Hammett and Robert Trujillo. «Here’s a little something we cooked up over the last few days. Hope you’re all safe & sound. Have a great weekend» says the YouTube video accompanying message.  The song is taken from the album …And Justice for All, from 1988; the very poetic lyrics represent a hope of rebirth. These words are really relevant in this period of global pandemic, that has blackened our soul a bit. Furthermore, every week the group organizes musical sessions on Zoom. Finally, it is rumored that they are also making a long-distance album: their last one dates back to 2016, and it’s Hardwired… to self-destruct.

The trend of quarantine arrangements also involved another rock music giant: ex Pink Floyd’s Roger Waters. He sang Mother, a marvelous track from The Wall  in 1979, in streaming with all the members of the band. «Social distancing is a necessary evil in a world with Covid. Mother reminds me how irreplaceable the joy of being in a band is», says the author of the song, on Twitter. A piece performed in an acoustic but intense version; a proof of how, even in difficult situations, quality music always unleashes all its natural power and beauty.

Beauty (of music) rhymes with charity: that is the BBC’s philosophy. And that’s why the TV station has elected a veritable anthem against Covid 19 Foo Fighters‘ song Times like These.  A supergroup – called for the occasion Live Lounge Allstars and formed by a dozen British and non-British artists – played the song together with the famous band. All the profits will go to charity to those who are fighting against the disease, in particular to the BBC Children in Need and Comic Relief associations.

Radiohead didn’t stand by and watch either. And so during this emergency, they started to share their live performances, drawn directly from their archives. «Now that you have no choice whether or not you fancy a quiet night in, we hereby present the first of several weekly live shows coming to Radiohead’s YouTube channel» the band says on YouTube. You can see the 2016 live show at Lollapalooza Festival in Berlin and the 2000 live show recorded at Punchestown Racecourse in Ireland, for example.

Sammy Hagar & The Circle have not stopped either, and they have made some funny Lockdown Sessions, wildly rocking. These are a real virtual parties, after all; the last jam session is about a cover of an iconic AC/DC song, Whole Lotta Rosie.

From Global to Local

What about Italy? Music has also been the absolute protagonist in the Bel Paese. A good news? The development of a music program, entirely from home. It’s called Io Live a Casa (with its hashtag #ioliveacasa) and the creator and host is Roberto Robustelli. From his home in Sarno, in the province of Salerno (South Italy), Roberto has interviewed and performed many famous artists from Italian music scene, directly from their living rooms. Among the others, Valerio Jovine, Roberto Dell’Era (bassist of Afterhours), Marzia Stano, A Toys Orchestra, Bologna Violenta. Roberto has recorded  50 episodes of this amazing format; thanks to a simple way (live streaming on Facebook), the number of followers is increased.

According to the host, the idea of the program was born mainly for his passion for music. But Robustelli also wants us to pay the right attention to entertainment industry, severely tested after Covid emergency. Lastly, there is the intention to give quality entertainment to the audience on the net, in a very unusual way.

Not even independent music stopped.  So this is the case of collaboration born between Italy and England, thanks to a cover. The track is Gone Gone Gone, by the band Styx; Valentina, the singer of the group, performed in a new version of the song with Matt Young and Duncan Greenway. Did you ever hear about them? They are two of the many talented stars of Metalworks, a reference event for the rock and metal scene in London. Mauro Zarattini, keyboard player of the band and Valentina’s boyfriend, decided to meet the three of them. Matt and Duncan immediately took up the challenge, even if they didn’t know the song; they were enthusiastic to test themselves in something different and challenging.

It is worth saying: this dramatic situation has been a blessing in disguise.

Regardless of the pandemic, it can’t be said that it wasn’t a productive period for music. Surely, it will completely transform the way of making music and performing it: it will speed up everything through the web, both the way of composing and the performances themselves. So the aim is to keep always alive this connection between artists and fans, as in these months. We hope that the web can really help in the development of new formats, in order to keep our soul healthy, but also to escape the contagion. Will the music be the new vaccine that will destroy the virus, developing a safer world? We will see about that!

NZIRIA Team Home

Italian version below ⇓

La musica, durante questo periodo, ha rappresentato una vera cura per l’anima. La vita casalinga è stata così meno noiosa e sicuramente più stimolante. Molti sono stati i musicisti internazionali che si sono esibiti dalle proprie abitazioni, attraverso streaming live e broadcast. Sono stati tantissimi anche i programmi, realizzati con interviste ad artisti, che hanno discusso sul futuro musicale post emergenza sanitaria. Ecco le iniziative che ricorderemo e di cui sentiremo ancora molto parlare.

La musica è stata un potente salvavita, durante i mesi di quarantena. Lo dimostra la quantità (e la qualità) di eventi e iniziative proliferate online. Sulle principali piattaforme social gli hashtags generati si sprecano: oltre l’ormai noto #Lockdown, quelli più significativi riguardanti il mondo della musica (e non solo) sono sicuramente #ToghetherAtHome, che raccoglie le esibizioni di artisti da diverse parti del mondo; e #RockDown, che raggruppa tutte le performance rock e i post dedicati di chi ha voluto spendere un pensiero di evasione dalla forzatura casalinga.

La quarantena ha inoltre regalato nuove uscite musicali, ora più che mai preziose. Tra le tante, quella più di spicco segna il ritorno sulle scene, in grande stile, dei The Rolling Stone. Living in Ghost Town è dunque il loro nuovo singolo, scritto da Mick Jagger alla fine del 2019. Senz’altro una canzone profetica: il cantante e compositore racconta per l’appunto di avvertire nel mondo, prima ancora della pandemia, distanza e invisibilità sociale, sperimentate specialmente nelle metropoli come Londra. Una realtà “distanziata” che poi di fatto si è concretizzata con l’arrivo di un nemico invisibile. Anche un’altra pietra miliare del cantautorato rock, Bob Dylan, ripopola la scena musicale con brano nuovo di zecca. False Prophet  fa dunque da apripista all’uscita, prevista a giugno, del nuovo album Rough and Rowdy Ways. Questo sarà il 39° della sua carriera artistica.

Anche dal fronte metal ci sono state svariate novità: il lockdown non ha arrestato la voglia di far musica dei Metallica. Una nuova versione di Blackened, rigorosamente in modalità casalinga, è stata infatti rilasciata agli inizi del mese da James Hetfield, Lars Ulrich, Kirk Hammett e Robert Trujillo. «Ecco una cosetta che abbiamo preparato negli ultimi giorni. Spero che siate tutti sani e salvi. Buon fine settimana», recita il messaggio di accompagnamento al video su YouTube. Un messaggio semplice così come lo è il video, suddiviso in quattro parti, dove si mostrano i componenti del gruppo intenti a suonare. Il pezzo è tratto dall’album …And Justice for All, del 1988; il testo, decisamente poetico, rappresenta una speranza di rinascita. Parole che risultano veramente attuali in questo periodo di pandemia globale che ci ha un po’ annerito l’anima. In più, ogni settimana il gruppo organizza su Zoom  delle sessioni musicali. Si vocifera infine che stiano realizzando anche un album a distanza: il loro ultimo risale al 2016, ed è Hardwired… to self-destruct.

Il trend delle reinterpretazioni da quarantena ha coinvolto anche un altro colosso della musica rock: Roger Waters ex Pink Floyd. In streaming con il resto del gruppo, ha intonato Mother, merviglioso pezzo tratto da The Wall del 1979. «Il distanziamento sociale è un male necessario in un mondo con il Covid. Mother mi ricorda quanto sia insostituibile la gioia di far parte di una band», dichiara così il bassista, autore del pezzo, su Twitter. Un brano eseguito in una versione acustica ma intensa; a testimonianza di come, anche in situazioni difficili, la musica di qualità sprigiona sempre tutta la sua naturale potenza e bellezza.

Bellezza (musicale) che fa rima con beneficenza: è il pensiero che ha avuto sicuramente la BBC eleggendo, come un vero e proprio inno contro il Covid 19, Times like These dei Foo Fighters. Un supergruppo – chiamato per l’occasione Live Lounge Allstars e formato da una dozzina di artisti britannici e non – ha reinterpretato la canzone assieme alla famosa band. Tutti i proventi del brano andranno in beneficenza a chi sta lottando contro la malattia, e in particolare alle associazioni BBC Children in Need e Comic Relief.

Neanche i Radiohead sono rimasti a guardare. Ed ecco che, durante questa emergenza, hanno cominciato a condividere le loro performance live, pescate direttamente dai loro archivi. «Ora che non avete scelta se desiderate o meno una serata tranquilla, con la presente vi presentiamo il primo di diversi spettacoli settimanali in diretta sul canale YouTube dei Radiohead. Ne pubblicheremo uno alla settimana fino a quando le restrizioni derivanti dalla situazione attuale non saranno allentate, o finiamo gli spettacoli», dichiara la band su YouTube. Finora, è possibile vedere il live del 2016 al Lollapalooza Festival, e quello del 2000, registrato all’ippodromo di Punchestown, in Irlanda.

Infine, non si sono fermati nemmeno Sammy Hagar & The Circle, che hanno realizzato delle vere e proprie Lockdown Session, selvaggiamente rock. Una vera e propria festa virtuale: l’ultima jam session riguarda una cover di un pezzo iconico degli AC/DC,  Whole Lotta Rosie.

Dal Global al Local

E in Italia? La musica è stata protagonista indiscussa anche nel Bel paese. Una novità su tutte? Un programma musicale interamente condotto da casa. Si chiama Io Live a Casa (con relativo hashtag #ioliveacasa) e l’ideatore e conduttore è Roberto Robustelli. Con questo innovativo format, in diretta streaming Facebook, Roberto ha collezionato la bellezza di 50 puntate e un numero cospicuo di followers. L’idea è semplice: da casa sua a Sarno, in provincia di Salerno, tramite collegamento ha intervistato e fatto esibire tanti artisti – tra gli altri, Jovine, Roberto Dell’Era (bassista degli Afterhours), Marzia Stano, A Toys Orchestra, Bologna Violenta – direttamente dai loro salotti.

A detta del conduttore, l’idea del programma nasce principalmente per la sua passione per la musica. Ma Robustelli vuole che si presti anche la giusta attenzione verso una categoria, quella dello spettacolo, colpita duramente dal Covid. Infine, c’è la voglia di regalare intrattenimento musicale di qualità al pubblico in rete, in una maniera del tutto inusuale.

Anche la musica indipendente non rimane indietro. Interessante, a tal proposito, è la collaborazione nata tra Italia e Inghilterra grazie a una cover. Il pezzo in questione è Gone Gone Gone della band Styx; Valentina, la cantante del gruppo, si è esibita in questa nuova versione del brano con Matt Young Duncan Greenway. Quest’ultimi sono due dei tantissimi e talentuosi protagonisti dei Metalworks (evento di riferimento per quanto riguarda la scena rock e metal londinese). All’incontro fra i tre ci ha pensato Mauro Zarattini, tastierista del gruppo nonché fidanzato di Valentina. Matt e Duncan hanno subito raccolto la sfida, pur non conoscendo il brano; si sono detti entusiasti di mettersi alla prova in qualcosa di diverso e impegnativo.

In Conclusione: non tutti i mali vengono per nuocere

A dispetto della pandemia, non si può dire che per la musica non sia stato un periodo produttivo. Sicuramente, si trasformerà completamente il modo di fare musica e di trasmetterla: si velocizzerà tutto tramite web, sia il modo di comporre che le stesse esibizioni. La speranza dunque è quella di mantenere sempre attiva questa connessione tra artisti e fan, come in questi mesi. Che il web possa davvero essere di aiuto per lo sviluppo di nuovi format, in modo da mantenere sana la nostra anima, ma anche sfuggire al contagio. Sarà la musica il nuovo vaccino che distruggerà il virus, sviluppando un mondo più sicuro? …to be continued!

Giovanni Pellegrino

 

 

en_GB