Beer, music, social life: the story of Almond 22

beerBeer is the most consumed alcoholic beverage in the world for thousands of generations, but it is also the oldest. Nowadays it is a trendy symbol of social life: its massive consumption has made Italian (and non-Italian) palates more demanding, always looking for new taste experiences. In this scenario, Jurij Ferri’s Almond 22 brewery fits in, between craftsmanship, musical inspirations and trips around the world. 

All it takes is four magic ingredients: water, malt, hops and yeast. Mixing them, the result is the essence of social life: the beer, the oldest alcoholic beverage in the world. Suffice it to say that its origin dates back as far as 5000 years ago. During the construction of the Great Pyramids in Giza, in Egypt, each worker received a daily ration ranging from four to five liters of beer. They thus ensured nutrition and refreshment. Not bad as fuel for the construction of the pyramids!

Beer has an organoleptic content of bioflavonoids, sugar and nitrogenous substances. There is also the presence of antioxidants and supplements, such as tannins, dextrins and B vitamins. At least, it contains folic acid, very important to prevent anemia and spina bifida in the fetus. We can therefore define this drink a sort of “liquid bread“, a nourishment that popular culture has embraced, determining the historical saying Who drinks beer lives a hundred years.

There are three types of beer fermentation: high induced fermentation, low induced fermentation, spontaneous fermentation. Over the centuries, beer production has changed, improved and diversified. In today’s world there are hundreds of styles and hybridizations. It has also become a niche product. Think about the beer produced by Trappist monks. To be so defined, this beer must necessarily be produced within an abbey; then, monks strictly control its elaboration; lastly, all the profits from its sale must go to finance charity activities.

Among industrial processes, craft and amateur production, the appeal for this iconic drink is growing more and more. The latest trend is the homemade beer, which we could define as “garage beer”. However, it is reaching a quality such as to equal the standards of production of beers famous throughout the world.

Jurij Ferri also approached this magical world of fermentation more than twenty years ago. In 1999, almost by chance at a festival in Abruzzo, Jurij saw some young people surrounded by a big pot and he surprisingly discovered that they were making beer, without trappings. From that moment, an intuition was triggered: he wanted to try to produce it too. Totally enraptured by the scents of cereals, the floral fragrances of hops and the delicacy of honey, also encouraged by his wife Valeria Saraceni, in 2003 Jurij founded Almond 22  brewery. His mission is not the simple brewing, but much more. What stands out sure enough is an authentic narration of his territory, through the exaltation of some local raw materials, such as honey from the Abruzzo National Park or the pure water of Farindola.

Jurij also keeps a watchful eye for details. In particular, his prized malts allcome directly from Germany, England and Belgium. As do his aroma hops, while his spelt is organic, a Dinkel type. Particular attention is also given to the yeasts used, which are largely dry, designed to give the beers their elegant flavour. But Jurij, for his many experimentations, does not miss other raw materials from all over the world. He uses, for example, the cinnamon from Ceylon, the pepper from the forests of Borneo, the Indian cardamom and coriander, the orange peel from Iran.  And still the gentian and Calabrian orange blossom, or the Mascobato organic sugar from the Philippines.

Thanks to masterful and innovative combinations of different flavours, Almond 22 beers stand distinctively for the original character of its producers. But these beers have also the extraordinary ability to maintain a 100% Italian spirit. This is evident from Jurij’s desire to range from low to high fermentation of his beers, from creations with unusual cereals, to the imaginative use of fruit (grapes, currants, raspberries and cherries, among others) and refinements in woods of various essences.

beerFor Jurij it’s not simply a matter of drinking beer, he firmly believes in his extraordinarily social power. That’s why he created a TapRoom in Loreto Aprutino, among the wonderful hills of Abruzzo. A place he calls “a pub with the brewery around it, but also a brewery with the pub inside, it depends on the point of view“. A space totally surrounded by greenery, where a 900-year-old olive tree emerges . It is a perfect location to appreciate six of the varieties of beer on tap and twenty types of Almond 22 in bottles. All accompanied by selection of cold cuts and cheeses.

But there are also special dishes, where among the ingredients you can find these beers. “We like to think of it as a second home where we can spend pleasant evenings with good beers, good music and meet people who like to chat over a pint“, adds Ferri.

We asked him a few questions, curious to know more about his vision of beers.

Almond 22 is an unusual name for a beer. What’s behind this choice?

I took my inspiration from the place where the first brewery was based. This was in origin a small factory, where some workers worked for the production of sugared almonds. The factory is a historical place: it dates back to 1922 to be exact, and that’s the reason for the number.

Your beers have received many awards and important recognitions. In your opinion, what is the strength of this brewery compared to the others?

First of all, the first feature that distinguishes us is certainly our passion. There is indeed a great desire to make beers with personality, whimsical, out of the ordinary; but these beers are also, at the same time, simple and easily loved by all. As Italians we are lucky, we have an exceptional education on good food and good drinking. In short, we have a trained palate. So my beers may have complex names and particular mixes, but they are immediate to appreciate. Probably because they marry very well the Italian taste.

After the coronavirus emergency, as we well know, things have changed for everyone. How much has this great “unexpected” affected you? What do you think could be the possible scenarios for sharing future events?

It’s not an easy question, nor a pleasant one to answer. If the State does not activate important support measures, I foresee a real disaster.

Your new collection, Just For Fun, intends to take beer to a new sensory level. Tell us more about this project.

My music, my travels as a brewer and all best memories of good beers drunk inspired my Just For Fun collection. So there is a different expression of myself poured into them, which differs from the other Almond 22s. It is as if with them I imagine a second life.

So let’s play a game: choose five of your favourite songs and try to associate them with five of your beers.

If I drink Pink Ipa, I’m thinking  Could You Be Loved by Bob Marley. Maybe it’s because this beer, with sweet and fruity scents like tropical fruit and grapefruit, reminds me of the colourful, warm and festive atmosphere of Jamaica. Another favourite song is Wish you where here, by Pink Floyd. I can only match to it the Torbata, a light amber beer that releases a complex scent, thanks to the skillful blend of leather, tobacco and dried fruit. So on the palate it is soft and sweet, due to the notes of honey (chestnut or honeydew) and fruit in syrup. It is therefore velvety, like the melancholy notes of the song.

Another favourite song of mine, also by Pink Floyd, is Shine on you crazy diamond. To this, I link the Boogeyman: a beer crafted in the style of Imperial Porter, with a strong taste. You can perceive smells like barley coffee, dark chocolate, licorice and dried fruit. An unexpected explosion of pleasure with a fruity taste, which does not immediately reveal its high alcohol content. Sort of like with the song, which reaches its climax only after seven minutes.

Then I love Queen’s Bohemian Rapsody: this musical masterpiece must be listened to while drinking the Pret a Porter. In the end, if I put on Message in a Bottle by the Police, a good glass of Farrotta is a must. Its mixture, given by a high percentage of organic spelt, makes it silky; the scent that emanates is that given by a mix of cereals, chamomile and citrus fruits. A delicate beer, but at the same time it leaves its mark. Just like the beauty of Police music.

NZIRIA team home

Italian version below ⇓

La birra è la bevanda alcolica più consumata al mondo da generazioni, ma anche la più antica. Oggi è un simbolo di convivialità molto gettonato, e il suo consumo massiccio rende più esigenti i palati italiani (e non), sempre alla ricerca di nuove esperienze gustative. È in questo contesto che si inserisce il birrificio Almond 22 di Jurij Ferri, tra artigianalità, ispirazioni musicali e itinerari in giro per il mondo. Per un nuovo e bellissimo viaggio sensoriale.

Bastano quattro ingredienti magici: acqua, malto, luppolo e lievito. Miscelandoli, si ha come risultato l’essenza della social life, la birra, la bevanda alcolica più antica al mondo. Basti pensare che la sua origine risale addirittura a 5000 anni fa, quando, durante la costruzione delle Grandi Piramidi a Giza in Egitto, ogni lavoratore riceveva una razione giornaliera che andava dai quattro ai cinque litri di birra, garantendosi così nutrizione e ristoro; niente male come carburante per la costruzione delle piramidi!

Nella birra troviamo un contenuto organolettico di bioflavonoidi, zucchero e sostanze azotate.  Vi è inoltre una presenza di antiossidanti ed integratori, come tannini, destrine e vitamine del gruppo B. Ma anche – e soprattutto –  acido folico, molto importante per prevenire l’anemia e la spina bifida nel feto. Possiamo perciò definire questa bevanda una sorta di “pane liquido”, un nutrimento che la cultura popolare ha assorbito determinando il detto storico “Chi beve birra campa cent’anni”.

Esistono tre tipi di fermentazione della birra: alta fermentazione indotta, bassa fermentazione indotta, fermentazione spontanea. Da qui, nei secoli la produzione di birra è cambiata, migliorandosi e diversificandosi. Infatti, esistono ad oggi centinaia di stili e ibridazioni. È diventata anche un prodotto di nicchia, e un esempio su tutti è la birra prodotta dai monaci trappisti. Per essere definita tale, questa deve essere necessariamente prodotta all’interno di una abbazia, la sua elaborazione è rigorosamente controllata dai religiosi, infine i proventi di vendita devono andare a finanziare opere di carità.

Tra processi industriali, artigianali e produzioni amatoriali, cresce sempre di più l’interesse per la mitica bevanda. L’ultimo trend è la birra di produzione casalinga, che potremmo definire “birra da garage”, ma che comunque sta raggiungendo una qualità tale da pareggiare (se non addirittura superare) gli standard di produzione di birre famose in tutto il mondo.

A questo mondo magico della fermentazione si è avvicinato, più di vent’anni fa, anche Jurij Ferri. Quasi per caso nel lontano 1999, ad un festival abruzzese, Jurij vede dei ragazzi circondare un pentolone e con suo sommo stupore scopre che stavano facendo la birra, senza troppi fronzoli. Da lì, l’intuizione: provare anche lui a produrla. Totalmente rapito dai profumi dei cereali, delle fragranze floreali del luppolo e dalla delicatezza del miele, spinto anche dalla moglie Valeria Saraceni, nel 2003 Jurij dà vita al birrificio Almond 22. La sua missione non è la semplice produzione di birra, ma molto di più: ciò che emerge infatti è un’autentica narrazione del proprio territorio, tramite l’esaltazione di alcune materie prime locali, come il miele proveniente dal parco Nazionale d’Abruzzo ad esempio, o l’acqua pura di Farindola.

beerJurij ha anche un occhio attento per la qualità. Infatti, i suoi malti pregiati provengono tutti direttamente da Germania, Inghilterra e Belgio, così come i suoi luppoli da aroma, mentre il farro è biologico, di tipo Dinkel. Particolare attenzione viene data anche ai lieviti utilizzati, che sono in larga parte secchi, volti a conferire alle birre quel loro sapore elegante. Ma Jurij, per le sue molteplici sperimentazioni, non si fa mancare altre materie prime da ogni parte del globo: fa sue per esempio la cannella di Ceylon, il pepe delle foreste del Borneo, il cardamomo e coriandolo indiani, la scorza di arancia dall’Iran, alternandovi la genziana e fiori di arancio calabresi o lo zucchero biologico Mascobato delle Filippine.

Grazie a magistrali e innovativi accostamenti di sapori diversi, le birre Almond 22 spiccano per il carattere originale dei suoi produttori, preservando comunque uno spirito 100% italiano. Ciò si evince dalla volontà di Jurij di spaziare dalla bassa all’alta fermentazione delle sue birre, dalle creazioni con insoliti cereali, fino al fantasioso uso di frutta (uva, ribes, lamponi ed amarene, tra gli altri) e affinamenti in legni di varie essenze.

Per Jurij non si tratta semplicemente di bere birra, crede fermamente nel suo potere straordinariamente social. Ecco perché ha creato una TapRoom nella sua terra, a Loreto Aprutino, in provincia di Pescara. Un luogo che egli definisce «un pub con il birrificio intorno, ma anche un birrificio con il pub dentro, dipende dai punti di vista». Uno spazio  totalmente immerso nel verde, dove spicca un olivo di 900 anni. Una cornice perfetta insomma per apprezzare sei delle varietà di birra proposte alla spina e venti tipi di Almond 22 in bottiglia.

Il tutto accompagnato da deliziosi taglieri di formaggi e salumi locali, a km o. Non mancano nemmeno piatti speciali, dove tra gli ingredienti si possono trovare proprio queste birre. «Ci piace pensarlo come una seconda casa dove passare piacevoli serate in compagnia di buone birre, ottima musica e dove incontrare persone che amano chiacchierare davanti a una pinta»aggiunge il Mastro Birraio.

Gli abbiamo fatto qualche domanda, curiosi di saperne di più sulla sua visione delle birre.

Almond 22 è un nome insolito per una birra. Cosa si cela dietro questa scelta?

Ho preso ispirazione dal luogo ospite della prima sede del birrificio. Quest’ultimo era infatti inizialmente un piccolo opificio, dove delle operaie lavoravano a cottimo le mandorle, sbucciate per la produzione di confetti. L’opificio è un luogo storico: risale per l’esattezza al 1922, ed ecco il perché del numero. 

Le tue birre hanno ricevuto numerosi premi e riconoscimenti importanti. Qual è, secondo te, il punto di forza di questo birrificio rispetto ad altri artigianali?

Anzitutto, la prima cosa che ci contraddistingue è sicuramente la passione. C’è infatti tanta voglia di fare delle birre sì con del carattere, estrose, fuori dal comune; ma queste sono anche allo stesso tempo semplici e facilmente amabili da tutti. Noi italiani siamo fortunati, abbiamo un’educazione eccezionale sul buon cibo e il buon bere. Insomma, abbiamo il palato allenato. Le mie birre quindi avranno pur nomi complessi e mix particolari, ma sono immediate da apprezzare; probabilmente sposano bene il gusto italiano.

Dopo l’emergenza coronavirus, come ben sappiamo, le cose sono cambiate per tutti. Quanto ha inciso per te questo grande “imprevisto”? Quali potrebbero essere secondo te i possibili scenari per la condivisione di futuri eventi?

Non è una domanda a cui è facile, né piacevole rispondere. Se lo Stato non attiverà misure importanti di sostegno, prevedo un vero disastro.

La tua nuova linea, Just for fun, intende portare la birra a nuovo livello sensoriale. Raccontaci di più su questo progetto.

Just for fun è una linea di birre che si ispirano direttamente alla mia musica, ai miei viaggi da birraio e ai ricordi di buone birre bevute. C’è una diversa espressione di me stesso riversata in loro, che si discosta dalle altre Almond 22. È come se con loro immaginassi una seconda vita.

Allora proviamo a fare un gioco: scegli cinque tue canzoni preferite e prova ad associarle a cinque delle tue birre.

Se bevo Pink Ipa, mi viene in mente Could you be loved di Bob Marley. Sarà perché questa birra, dai sentori dolci e fruttati come quelli della frutta tropicale e del pompelmo, mi ricorda le atmosfere colorate, calorose e festose della Giamaica. Un altro mio pezzo preferito è Wish you where here, dei Pink Floyd. Ad esso, non posso che associare la  Torbata: una birra ambrata chiara che sprigiona un profumo complesso, grazie alla sapiente miscela di cuoio, tabacco e frutta secca. Al palato si presenta morbida e dolce, per via delle note del miele (castagno o melata) e della frutta sciroppata. Risulta quindi vellutata, come le note malinconiche della canzone.

Un’altra mia preferita, sempre dei Pink Floyd, è Shine on you crazy diamond. A questa collego la Boogeyman: una birra realizzata nello stile delle Imperial Porter, dal gusto deciso. Si percepiscono odori quali caffè d’orzo, cioccolato fondente, liquirizia e frutta secca. Un’inaspettata esplosione di piacere dal gusto fruttato, che non rivela subito la sua elevata gradazione alcolica. Un po’ come accade con il pezzo, che raggiunge il suo apice solo dopo sette minuti.

Poi adoro Bohemian Rapsody dei Queen: questo capolavoro musicale va ascoltato bevendo la Pret a Porter. Infine, se metto su Message in a Bottle dei Police, un bel bicchiere di Farrotta è d’obbligo. La sua miscela, data da un’alta percentuale di farro biologico, la rende setosa; il profumo che emana è quello dato da un mix di cereali, camomilla e agrumi. Una birra delicata, ma che al contempo lascia il segno. Proprio come l’eleganza della musica dei Police.

 

Chiara Grasso & Giovanni Pellegrino